Logo Benvenuti in AgICAV&AIBBA
Le Agenzie professionali nazionali di consulenza, formazione e marketing
per il Bed and Breakfast, la Casa Vacanze e l'Affittacamere in Italia
Logo
 
 
 
Come si apre un Bed & Breakfast In Italia, un B&B, un Affittacamere ed una Casa Vacanze. Cenni sull’apertura di una Casa Vacanze e di un Affittacamere

Aprire un Bed and Breakfast

Logo AIBBA&AgICAV

Guida Breve ai Finanziamenti

per Bed & Breakfast Casa Vacanze e  Affittacamere

    Condividi questa pagina con i tuoi amici su       

A cura di: Stefano Calandra*

Presidente (1999-2010) e fondatore di AIBBA - Associazione Nazionale Bed & Breakfast Affittacamere,  di AgICAV - Associazione Italiana Case Vacanza, ABBAV - Associzione B&B del Veneto; Fondatore (2011) e titolare di AIBBA - Agenzia Nazionale dei Bed & Breakfast ed Affittacamere.

Preliminarmente bisogna tenere presente che ci sono senz'altro dei bandi aperti per l'imprenditoria femminile o per l'imprenditoria giovanile in ogni Regione italiana, che non riguardano mai specificamente il B&B ma sono per tutte le imprese di servizi.

Per informazioni c'è sempre a disposizione l'ufficio Turismo della Regione, che poi è l'ente che li regola e li eroga. L'Agenzia AIBBA ed AgICAV non si occupano di istruire questi procedimenti nè di monitorare i bandi (lavoro troppo specifico, che ha già una sufficiente copertura e competenza negli uffici regionali).

Altri enti che possono erogare questi servizi sono i Consorzi di Promozione Turistica (info presso la Provincia). le Comunità Montane, i GAL - Gruppi di Azione Locale, le Fondazioni, le Camere di Commercio: tutte queste realtà possono finanziare l'impresa turistica o commerciale in genere (con P. IVA quindi), meno spesso il B&B specificamente. Tuttavia il B&B, l'Affittacamere o la Casa Vacanze sono di fatto attività commerciali (occasionali o imprenditoriali), quindi rientrano di buon grado in quesi tutte le casisitiche dei bandi.

Vedi QUI una panoramica dei bandi aperti per le PMI ed in particolare dei bandi locali aperti per l'internazionalizzazione delle PMI.

Ognuno può quindi cercare autonomamente presso le sedi degli organismi citati qualche bando di finanziamento e seguire le istruzioni per istruirlo. Certamente vi sono 4 restrizioni in generale che accompagnano questi bandi:

  • I tempi di erogazione abbastanza lunghi (fino a 6 mesi o più dopo che la spesa è stata sostenuta)

  • l'importo erogato (sempre una parte, mai il 100%, spesso non in conto capitale , ma solo in cont interessi su un prestito bancario: ma oggi i tassi sono già bassi da soli....)

  • l'esercizio minimo per l'attività di almeno 5 anni, pena la restituzione del prestito

  • l'obbligatoria apertura della P. IVA (che è comunque quasi sempre un bene!) perchè trattasi di sub-erogazioni di erogazioni UE per le imprese. Quando si apre P. IVA e cosa comporta? Vedi QUI.

Il nostro consiglio è pertanto quello di valutare bene se valga la pena porsi in condizione di doversi sottoporre a tanta burocrazia, tanto più quando l'attività che si intraprende è di dimensioni molto piccole (1-2 camere appena). In tali casi valgono molto ma molto di più delle buone prassi di gestione e di marketing che consentono di finanziarsi velocemente l'investimento richiesto già sul lavoro prodotto e magari dei piccoli prestiti bancari che possano aiutare il temporaneo fabbisogno iniziale.

Vale anche il discorso fiscale per incentivare l'apertura dell'attività: è possibile sin da subito, sotto certe condizioni peraltro non di difficile realizzazione, abbracciare il cd. "regime dei minimi", ossi quel regime fiscale sotto i 50.000 € adatto a pagare molte meno imposte di chi invece, non conoscendo questa opportunità, pagherebbe sin dal primo anno di attività. Per ottenere questo regime si può sotoscrivere il nostro servizio fiscale, Vedi QUI.

Infine, l'imprenditore turistico può accedere anche ai prestiti bancari attualmente esistenti in tutti gli istituti, con fondi finanziati dal Governo, destinati alle piccole-medie imprese, dove il cliente può usufruire di una fidejussione di un garante istituzionale (cd "Cofidi"), secondo un recente decreto, che consente un più agevole affidamento. Consigliamo in questo caso di recarsi alla Sua banca e chiederne le condizioni. Vedi QUI gli istituti bancari convenzionati nel 2016. 

Vedi QUI anche tutte le news sui prestiti bancari agevolati in vigore al momento.

Pur non seguendo direttamente questi temi l'Agenzia AIBBA AgICAV può orientare i propri abbonati, con tutta l'esperienza dei suoi professionisti, sulle migliori prassi in ogni situazione quest'ultimo si venisse a trovare.


Prima di aprire l’attività infòrmati presso AIBBA/AgICAV!

 
 
Italiano  Inglese
UTILITA'
 
Logo AIBBA 

Email: info@aibba.it
Tel. +39 041 731429
h. 9.30-13.00 lun-ven